Se sei un utente abbonato alla rivista online inserisci qui il tuo nome utente e la tua password di accesso:


username:
password:



27/10/2016
ACCP PEDIGREE


12/07/2015
ALL AMERICAN DOG – WORLD CHAMPION 2015


22/05/2012
Storia di Bill George, l’uomo che inventò lo showing bulldog

Entrambi questi sport si erano diffusi contemporaneamente fin dall’antichità e non erano affatto successivi l’uno all’altro come vorrebbe farci credere la storia della cinofilia ufficiale.

Bill George, pupillo di Ben White, ultimo dei dinosauri fautori del mitico bullbaiting, seppe intuire il cambiamento e fece scelte opposte rispetto al maestro. In meno di quarant’anni infatti riuscì a riabilitare il “pericoloso” combattente del bullbaiting trasformandolo in un innocuo show dog adatto alla nuova epopea delle esposizioni canine.

Nacque forse a Londra nel 1802 in una famiglia del sottoproletariato urbano e si rivelò, fin da giovanetto, particolarmente incline agli sport violenti e alle attività “sanguinarie”. Esercitò infatti la boxe, che allora si teneva a mani nude e il mestiere di garzone nei sanguinolenti macelli di bovini dell’epoca pre-vittoriana. Era anche, come tanti suoi coevi, molto attratto dagli “sport” del bull-baiting e del dog-fighting allora particolarmente in voga tra il popolino. Proprio per questa sua peculiare inclinazione conobbe, presumibilmente intorno al 1820, Ben White il quale era considerato all’epoca il più grande allevatore di bulldog da combattimento di vecchio tipo (old fashioned bulldog) che oggi chiameremmo semplicemente pit bull. La razza di allora aveva raggiunto il massimo del perfezionamento di un processo di selezione artificiale iniziato intorno al 1600 partendo dagli “strains” di mastive dogge e alaunt medioevali e rinascimentali, che erano stati ridotti in taglia proprio per meglio adattarsi a queste specifiche e odiose funzioni: la tortura dei tori e il combattimento tra cani.
Entrambi questi sport si erano diffusi contemporaneamente fin dall’antichità e non erano affatto successivi l’uno all’altro come vorrebbe farci credere la storia della cinofilia ufficiale. Nelle arene del bullbaiting venivano impiegati i soggetti più”molossoidi”e cioè piccoli mastini che potevano pesare da 40 a 60 libbre (eccezionalmente fino a 90 ), a volte prognati, mentre nel dog-fighting venivano preferiti i bulldog più leggeri e quindi dotati di maggiore resistenza e con musi più lunghi per una migliore capacità aerobica. Queste due diverse “linee evolutive” sono presenti ancora oggi negli attuali “strains” di APBT.

... prosegui la lettura nella rivista








22/10/2020
REGOLAMENTO GARE ACCP 2020_allegato .pdf
Il presente REGOLAMENTO GARE ACCP, valido da gennaio 2020, è stato regolarmente pubblicato sull’Organo di Stampa Ufficiale di ACCP – Canidapresa, nel caso specifico il n.1/2020 della rivista Canidapresa.Magazine. "L'emergenza Covid ha provocato una sospensione degli show per oltre 5 mesi, penalizzando soprattutto gli aspiranti al titolo di ACCP Promising. Pertanto quest'anno, in via eccezionale, saranno ritenuti validi ai fini del conseguimento del titolo di ACCP Promising i punti conseguiti fino all'età di 16 mesi." In allegato il .pdf da stampare.

24/09/2020
AMERICAN BULLY: perché registrarli in ACCP
AMERICAN BULLY: PERCHE’ REGISTRARLI IN ACCP L’Associazione Culturale Cani da Presa è stata fondata nel 1996. E’ l’Associazione italiana con un registro specifico per le razze da presa non riconosciute dall’FCI che vanta più anni di storia e il maggior numero di iscritti. ACCP, che ha iniziato a effettuare test del DNA e diagnosi di parentela nel 2004, DAL 2014 RICHIEDE OBBLIGATORIAMENTE, PER CHIUNQUE VOGLIA REGISTRARE UNA CUCCIOLATA, IL DEPOSITO DEL DNA DI ENTRAMBI I GENITORI. Il deposito del DNA dei riproduttori rappresenta una fondamentale garanzia di veridicità del pedigree. Non solo, tutti i soggetti che conseguono un titolo in ACCP, hanno l’obbligo di effettuare un test completo del DNA, con eventuale diagnosi di parentela. I pedigree ACCP, che riportano sei generazioni, indicano oltre al deposito o al test DNA, anche gli eventuali esami a cui il cane è stato sottoposto (displasia, ecocardio, atassia, ecc.) e i titoli conseguiti nei tre circuiti finora più significativi per la razza (ABKC, EBKC, IBKC). E’ possibile convertire in ACCP il pedigree del vostro american bully dai seguenti registri: ABKC, EBKC, IBKC. ACCP, da sempre attenta alla salute e al benessere animale, non accetta iscrizioni di american bully exotic. Chi fosse interessato può scrivere a info@canidapresa.com oppure chiamare il numero 334.1646083.

11/06/2020
Corso di HANDLING con Richard Hellman





16/01/2020
CALENDARIO MANIFESTAZIONI ACCP 2020
Calendario ufficiale ACCP show 2020. N.B. nel corso dell'anno il calendario potrebbe subire qualche modifica.
KALEIDOS srl info@canidapresa.com Tel. 0161.478283 P.IVA 09372180019 N. REA: To - 1046522 Capitale sociale: euro 10.000 i.v.